Cos'è la malattia parodontolale ?

La malattia parodontale o gengivale è sostanzialmente un'infezione delle gengive che può estendersi all'osso alveolare e all'apparato di supporto del dente (tessuti duri e molli che lo circondano). È innescata dalla placca batterica, una pellicola incolore, densa e appiccicosa di batteri viventi che in continua formazione sui denti. Se non viene rimossa quotidianamente e a fondo con lo spazzolino da denti, il filo interdentale e gli spazzolini interdentali, la placca può addensarsi e proliferare. I batteri patogeni, oltre a intaccare denti e gengive, possono provocare infezioni anche nei tessuti dell'apparato di sostegno dei denti, ovvero l'osso alveolare (osso mandibolare e mascellare che ospita la radice dei denti) e il legamento parodontale. Ciò può comportare l'allentamento e anche la perdita spontanea di uno o più denti, rispettivamente la necessità dell'intervento di estrazione da parte del dentista.

I tre stadi della malattia parodontale:

  • Gengivite: è lo stadio precoce della malattia parodontale che consiste in fenomeni infiammatori delle gengive in seguito all'accumulo di placca batterica lungo il margine gengivale. Se la placca non viene rimossa con la pulizia dentale quotidiana, incluso l'uso del filo interdentale, produce tossine che aggrediscono il tessuto gengivale provocando l'infiammazione. Eventualmente durante la pulizia dei denti (filo interdentale, stuzzicadenti, spazzolino ecc.) subentrano sanguinamenti. Si tratta di segnali d'allarme da non sottovalutare. I sanguinamenti delle gengive non sono provocati solo dallo spazzolamento scorretto o dalla pressione eccessiva con lo spazzolino da denti. In questo primo stadio i danni possono essere eliminati ancora completamente, perché la gengivite non coinvolge l'osso alveolare e il legamento parodontale che stabilizzano i denti.
     
  • Parodontite: in questo stadio l'osso alveolare e il legamento parodontale sono irriversibilmente danneggiati. Tra la gengiva e il dente, rispettivamente la superficie radicolare, si riscontrano tasche gengivali della profondità da 4 a 12 mm nelle quali i batteri possono continuare a proliferare indisturbati. La terapia parodontologica e l'ottimizzazione dell'igiene orale personale riescono generalmente ad attenuare l'infiammazione e prevenire ulteriori danni.
     
  • Parodontite avanzata: il progredire della malattia distrugge l'osso alveolare di sostegno con la conseguente migrazione, mobilità e perdita dei denti. Se le cure non hanno effetto, si deve eventualmente procedere all'estrazione dei denti.
     

Come mi accorgo di avere una malattia parodontale?

Le malattie parodontali possono subentrare a ogni età, ma si riscontrano con maggior frequenza negli adulti. Diagnosticate in nello stadio precoce, possono essere guarite. Consultate il vostro dentista se notate uno dei seguenti sintomi:

  • Le gengive sono arrossate, gonfie o ipersensibili.
  • Le gengive sanguinano durante la pulizia con lo spazzolino o con il filo interdentale.
  • I denti sembrano più lunghi a causa della recessione gengivale.
  • Le gengive risultano "dislocate" rispetto al posizionamento dei denti.
  • La posizione dei denti nella mascella ha subito delle modifiche di occlusione/allineamento.
  • Dagli spazi interdentali e dalle gengive fuoriesce pus.
  • Alitosi costante e cattivo sapore in bocca.

Quali sono le possibili terapie delle malattie parodontali?

  • Le gengiviti allo stadio iniziale possono essere spesso eliminate con la pulizia corretta dei denti, incluso l'uso del filo interdentale, degli spazzolini interdentali, di collutori ecc. L'igiene orale corretta impedisce alla placca batterica molle di solidificarsi e quindi di trasformarsi in tartaro. Il complemento più indicato è la pulizia professionale periodica che rappresenta l'unica possibilità di rimuovere completamente la placca e il tartaro lungo il solco gengivale.
     
  • In caso di parodontite, la pulizia di placca e tartaro non è più sufficiente, perché a questo punto si sono create tasche parodontali profonde. Qui si deve ricorrere alla terapia parodontale nel corso della quale vengono ripulite dalla placca e dal tartaro anche tutte le superfici radicolari (scaling), con successiva levigatura. Questo trattamento può essere eseguito esclusivamente dal dentista o dall'igienista dentale.

I controlli periodici consentono d'individuare e di curare per tempo, già nello stadio precoce, le malattie parodontali, prima che la patologia diventi irrimediabile.


  Gengiva sana
La gengiva sana è compatta e non sanguina. È aderente all'osso sottostante e chiude perfettamente il colletto del dente.
 
  Infiammazione delle gengive (gengivite)
Le gengive sono leggermente infiammate, con arrossamento anche intenso, gonfiore e tendenza al sanguinamento durante lo spazzolamento.
 
  Parodontite
La gengiva inizia a staccarsi dall'osso e a regredire. La placca riesce così a infiltrarsi aggredendo le radici, il legamento parodontale e l'osso alveolare.
  Tentan AG · Dellenbodenweg 8 · 4452 Itingen · Tel. +41(0)61 975 05 10 · Fax +41(0)61 975 05 12 · info@tentan.ch · www.tentan.ch